LE STRADE DELLA DANZA

I molteplici aspetti della cultura della danza e la loro divulgazione sono al centro delle iniziative dell’Associazione, anche attraverso appuntamenti con i grandi maestri.

Vengono così proposti workshop, seminari, conferenze e performance, in collaborazione con studiosi, artisti e istituzioni pubbliche.

ALICE CONDODINA

“Sviluppo della capacità espressiva attraverso l’arte di Josè Limón”
Conferenza e stage – febbraio 1999

L’eredità artistica di uno dei più significativi coreografi del nostro secolo, ricreata da Alice Condodina, interprete dei lavori del Maestro, coreografa e da anni impegnata in un importante attività didattica internazionale.
Alice Condodina, analizzando e attingendo dalla tecnica Limón, propone presso lo studio d’arte coreutica Invito alla Danza, un’esperienza didattica che coinvolge tutti i diversi momenti del danzare: la tecnica, l’espressività, la composizione.
Una conferenza con proiezioni video realizzata in collaborazione con Danzainvideo – Archivio Nazionale di Danza e Balletto (Discoteca di Stato) presenta alcune fondamentali produzioni artistiche del Maestro, offrendo una preziosa occasione per apprezzare anche Limón interprete.

Direzione artistica: Marina Michetti
Organizzazione: Francesca Aleandri
Consulenza: Rossella Battisti
Collaborazione artistica: Sandra Fuciarelli

Alice Condodina, prima ballerina nella Limón Dance Company, fonda una sua compagnia a N.Y. con ruoli di interprete e coreografa.
Per dodici anni è direttrice artistica della West Dance Company con la quale diffonde il lavoro di prestigiosi artisti americani come Josè Limón, Anna Sokolow, Lucas Hoving, Louis Falco, Kathryn Posin e Remy Charlip.
Successivamente si dedica all’insegnamento tenendo Corsi per professionisti presso l’Università di California, Santa Barbara.
Esplorando diverse concezioni del lavoro di Josè Limón ha messo a punto metodologie che mirano a sviluppare l’espressività degli allievi, aprendo loro nuove possibilità creative.

CARLOS RIVAROLA

“Hablando de Tango”
Conferenza e stage – spettacolo – aprile 1999

L’artista argentino Carlos Rivarola conduce uno stage durante il quale affronta passi e figure del tango per utilizzare al meglio “l’improvvisazione”, peculiare caratteristica di questa danza argentina.
Lo stage, che si svolge presso lo studio d’arte coreutica Invito alla Danza, è articolato in più livelli ed a numero chiuso.
Una conferenza sulla storia del tango,con proiezioni video e performance danzata, realizzata in collaborazione con D.A.M.S. – Discipline delle Arti, della Musica, dello Spettacolo, Storia della Danza e del Mimo – Università degli Studi Roma Tre, analizza l’evoluzione e i diversi stili del tango.
Una performance vede interpretare ai ballerini Claudio Jurman e Gabriella Riccio, accompagnati dal musicista Marcello Fiorini, differenti coreografie che rappresentano dell’evoluzione del tango.

Direzione artistica: Marina Michetti
Organizzazione: Francesca Aleandri

Carlos Rivarola, membro dell’Accademia Nazionale del Tango, a lungo maestro e coreografo del Ballet Folklorico Nacional ha riscosso già dagli anni ’80 importanti successi sui palcoscenici internazionali, con gli spettacoli “Tango Argentino”, “El Tango”, “La Cumparsita”. Ha alternato l’attività teatrale con quella cinematografica che lo ha visto di recente protagonista del film “TANGO”, ultima creazione di Carlos Saura. Nel 1998 per le coreografie di Ana Maria Stekelman, per la compagnia Tangokinesis, è stato ospite nella Rassegna Invito alla Danza insieme a Eleonora Cassano nello spettacolo “Tango y fuga”.

JUAN CARLOS COPES

“Sentimiento de tango”
Incontro dibattito – stage – luglio 1999

In occasione dello spettacolo della compagnia diretta da Juan Carlos Copes, ospite della rassegna Invito alla Danza 1999, l’Associazione organizza un incontro-dibattito in collaborazione con l’Ambasciata Argentina e presso la sua prestigiosa sede. Tema dell’incontro un’analisi del tango e il significato della figura dello stesso Copes, universalmente riconosciuto come l’innovatore dello stile del tango. Segue, presso lo studio d’arte coreutica Invito alla Danza, uno stage di diversi livelli che offre l’opportunità, per la prima volta in Italia, di danzare con il Maestro per antonomasia.

Direzione artistica: Marina Michetti
Organizzazione: Francesca Aleandri
Ufficio Stampa: Francesca Valenza

Juan Carlos Copes, distintosi nel mondo del tango già negli anni ’50, iniziò al Teatro Nazionale di Buenos Aires (1955) la sua eccezionale attività professionale di milonguero. Numerose le tournées internazionali, in America del Sud, in Europa, in Medio Oriente e negli Stati Uniti. Importanti successi ha riscosso come danzatore e coreografo nei teatri di Broadway; molti i partners d’eccezione come Julio Bocca, Eleonora Cassano, Susana Rinaldi. Maestro presso prestigiose Istituzioni, come la Stanford University, annovera tra i suoi allievi nomi prestigiosi di ballerini e attori come Mikahil Baryshnikov e Robert Duvall. Nel 1985 viene nominato dal New York Times migliore ballerino e invitato a danzare per Ronald Reagan alla Casa Bianca. Nel 1995 ha danzato accanto a Liza Minnelli nel suo show al Lunapark di Buenos Aires. Protagonista sui grandi schermi di tutto il mondo è stato, nella passata stagione, coreografo e ballerino del film “Tango” di Carlos Saura. È riconosciuto in tutto il mondo come il maestro di Tango per eccellenza.

SAI KIJIMA

“L’INNOCENZA NEL MOVIMENTO – KALADO”
Performance e workshop – aprile 2000

L’artista giapponese Sai Kijima offre l’occasione di utilizzare la danza come mezzo espressivo per sviluppare l’aspetto universale dell’uomo, in connessione con varie tematiche corporee e in sinergia con altre tecniche e discipline.
Kalado non è una tecnica è un’arte di vivere, un modo di muoversi e di interpretare l’arte, pur non dimenticando la fisicità dell’uomo e il rapporto profondo che lo lega alla terra, il workshop prevede infatti un percorso che dall’acquisizione della consapevolezza del corpo giunge al rilassamento, all’allenamento per giungere all’espressione danzata. Gli incontri, che si svolgono presso lo studio d’arte coreutica Invito alla Danza, sono preceduti da una performance danzata dallo stesso Sai Kijima che, prendendo spunto dagli oggetti intorno a lui e dalla comunicazione con il pubblico, crea un evento spettacolare, straordinario e sorprendente.
La performance si realizza presso l’Accademia di Belle Arti di Roma ed è aperta a tutto il pubblico romano. L’iniziativa gode della collaborazione della Regione Lazio e dell’Istituto Giapponese di Cultura.

Direzione artistica: Marina Michetti
Organizzazione: Francesca Aleandri
Ufficio Stampa: Andrea Corrado

Sai Kijima, originario dell’isola giapponese di Kyushu, si è formato a Tokio, perfezionando il suo eclettico talento di danzatore, attore e cantante, ha studiato danza e arte drammatica e Tai So con il maestro Michizo Nogochi e con Junko Ikeda, sua allieva prediletta. Ha proseguito gli studi a Parigi e sulla base delle sue successive e molteplici esperienze professionali in Europa, ha creato un proprio metodo per lo sviluppo della percezione e del movimento Kalado, fondando una scuola ormai internazionale, nota sia in Giappone, sia negli Stati Uniti che in Europa, dove realizza spettacoli, concerti e stages.

SARAH STACKHOUSE

“Josè Limón e la Modern Dance”
Incontro dibattito – performance – seminario febbraio/marzo 2001

Apre l’iniziativa un incontro dibattito nel quale Sarah Stackouse, prima ballerina e partner di Josè Limón dal 1958 al 1969, ricostruisce attraverso la sua esperienza personale e con il supporto di video, la lunga attività del Maestro, analizzando sia l’aspetto didattico come quello di interprete e coreografo, per mettere a fuoco i diversi aspetti di quello che è stato una delle personalità più significative della danza del nostro secolo. A seguito si presenta una performance delle più significative coreografie, interpretate da Roxane D’Orléans Juste, attualmente prima ballerina della Limón Dance Company. Sono previste, successivamente, tre settimane di lezioni durante le quali Sarah Stackhouse proporrà brani di diverse creazioni, offrendo agli allievi l’irripetibile occasione di cimentarsi con capolavori coreografici rappresentati in tutto il mondo. Le lezioni si terranno presso il Centro Studi di Danza di Firenze (Scuola del Balletto di Toscana diretta da Cristina Bozzolini, Scuola di Opus Ballet diretta da Rosanna Brocanello), quindi presso il Centro Professionale di Danza Città di Perugia diretto da Floriana Mariotti e si concluderanno presso lo studio d’arte coreutica Invito alla Danza diretta da Marina Michetti.
L’iniziativa, promossa e realizzata a livello nazionale, nasce con un progetto elaborato insieme a Carla Maxwell, direttore artistico della Limón Dance Company e grazie al contributo del Us Department of State – Cultural Programs Division degli Stati Uniti e dell’Ambasciata USA in Italia. Gode inoltre del patrocinio del Comune di Roma che ha messo a disposizione la Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea per la realizzazione della performance.

Direzione artistica: Marina Michetti
Organizzazione:Francesca Aleandri

Sarah Stackhouse, prima ballerina della Limón Dance Company e partner di Josè Limón, è attualmente ripetitore della Compagnia. La sua carriera artistica inizia nell’American Dance Theatre di Alvin Ailey, in seguito danza con i Featured Dancers di Louis Falco e nella compagnia Annabelle Gamson Dance Solos. Affianca la carriera artistica a quella di insegnante nelle facoltà della Juilliard School e nell’ambito dell’American Dance Festival dove è assistente di Limón. Ha insegnato negli Stati Uniti, in Europa e in Asia per poi tornare alla Limón Dance Company, dove riporta alla luce i lavori principali del Maestro che successivamente ha inserito anche nel repertorio di numerose compagnie di danza a Città del Messico, Praga, Parigi (Opera Ballet e “Nureyev and Friends”) oltre che negli Stati Uniti (Ohio Ballet e Cleveland Ballet). Recentemente ha diretto la messa in scena della Chaconne per Mykhail Baryshnikov e per il Bavarian State Ballet di Monaco.

MARCIA PLEVIN

“L’Autenticità del movimento”
Incontro dibattito – seminario febbraio/maggio 2001

Il Movimento Autentico è una disciplina che mira al recupero dell’ascolto profondo del corpo, che viene considerato come l’asse centrale del processo creativo che sta alla base di tutti i linguaggi artistici. Il seminario si prefigge lo scopo di giungere a danzare realizzando l’armonia corpo-mente, sviluppando le potenzialità espressive e creative di ciascuno. L’iniziativa prevede un incontro con il pubblico per divulgare storia e notizie sul Movimento Autentico, organizzata in collaborazione con il Centro Italiano di Psicologia Analitica e con la partecipazione della Dott.ssa Paola Calducci, psicanalista junghiana. Segue un seminario con cadenza settimanale tenuto da Marcia Plevin presso lo studio d’arte coreutica Invito alla Danza. Nelle lezioni l’attenzione è focalizzata sull’ascolto del proprio corpo, imparando ad essere consapevoli nell’esecuzione di ogni gesto e nell’esplorazione del proprio stile e della propria creatività. La musica, la poesia e le arti visive sono il supporto di ogni lezione.

Direzione artistica: Marina Michetti
Organizzazione:Francesca Aleandri

Marcia Plevin, danzatrice, coreografa e docente, inizia la sua carriera presso la Martha Graham School di New York, prosegue con Alvin Ailey e Mary Anthony per poi iniziare l’attività coreografica alla North Carolina School of Art. Dal 1984 al 1986 dirige il Dipartimento di Danza della Southern Methodist University di Dallas. Nel 1987 si trasferisce a Roma dove insegna tecnica moderna e coreografia all’Accademia Nazionale di Danza. Durante la sua attività artistica in America ha ricevuto premi e riconoscimenti di diverse istituzioni e fondazioni quali il North Carolina Arts Council, la Mary Reynolds Babcook Foundation. Marcia Plevin è oggi una delle principali rappresentanti della Danza/Movimento Terapia. Numerose le sue pubblicazioni e i suoi saggi monografici.

VASCO WELLENKAMP
COMPAGNIA PORTOGHESE DI DANZA CONTEMPORANEA
LA VOCE UMANA DELLA PASSIONE

Incontro dibattito – stage – luglio 2003

In occasione della prima nazionale al Festival Invito alla Danza della Compagnia Portoghese di Danza Contemporanea diretta da Vasco Wellenkamp, è stato realizzato uno stage gratuito di danza contemporanea presso la sede dell’Associazione, tenuto dallo stesso Wellenkamp. L’attività didattica è stata preceduta da una conferenza stampa con proiezioni video presso l’Ambasciata Portoghese a Roma con lo scopo di divulgare il lavoro del coreografo e il percorso realizzato dalla compagnia in questi anni.

Direzione artistica: Marina Michetti
Ufficio Stampa: Fiorentina Galterio

Vasco Wellenkamp
Inizia i suoi studi di danza in Portogallo con Margarida De Abreu e Fernando Lima. Nel 1968 entra nel Ballet Gulbenkian. Dal 1973 al 1975 è negli Stati Uniti dove, come borsista del Ministero dell’Istruzione, studia danza contemporanea presso la scuola di Martha Graham, successivamente coreografia con Merce Cunnigham quindi con Valentina Pereyslavec presso l’American Ballet Theatre. Nel 1975 è docente di danza moderna presso la Scuola del Conservatorio Nazionale e nel 1983 alla Scuola Superiore di Danza di Lisbona. Dal 1977 al 1996 è coreografo residente presso il Ballet Gulbenkian.
Nel 1998 fonda la Compagnia Portoghese di Danza Contemporanea che è il risultato della sua lunga esperienza artistica.

ERICH J. MILES – PETER CHU
LES BALLETS JAZZ DE MONTREAL

Incontro dibattito – stage – luglio 2003

In occasione della prima nazionale al Festival Invito alla Danza de Les Ballets Jazz de Montreal, è stato realizzato uno stage gratuito di danza jazz presso la sede dell’Associazione, tenuto da Peter Chu e Eric J. Miles. L’attività didattica è stata preceduta da una conferenza stampa con proiezioni video presso l’Ambasciata del Canada a Roma in collaborazione con l’Agenzia Culturale del Quebec, con lo scopo di divulgare il lavoro e il percorso della compagnia diretta dal 1998 da Louis Robitaille, interprete di fama internazionale, étoile de Les Grands Ballets Canadiens e del Ballets Eddy Toussaint.

Direzione artistica: Marina Michetti
Ufficio Stampa: Fiorentina Galterio

Eric J. Miles
Nato in Massachusetts inizia i suoi studi presso la Louisville Civic Ballet Company e successivamente con la Dayton Contemporary Dance Company presso la quale diventa primo ballerino. Nel 1990 entra nel Balletto Jazz di Montreal. Si dedica anche alla coreografia e per il B.J.M. crea la performance 102° F. Vince il premio del National Choreographic Plan Award of Northeast Regional Dance America con la coreografia All Rise.

Peter Chu
Nato a New York si dedica prima alla ginnastica professionale e successivamente alla danza presso il Dussich Dance Studio, quindi riceve la borsa di studio BFA presso la famosa The Juilliard School. Si dedica sia all’insegnamento che alla coreografia e le sue performances vengono rappresentate in molti teatri importanti come il Lincoln Center. Nel 2002 riceve il premio Hector Zaraspe Choreography. Nello stesso anno entra nel Balletto Jazz di Montreal

CAROLINE REAGH
SCOTTISH DANCE THEATRE
HIGH LAND

Incontro dibattito – stage – luglio 2003

In occasione della prima nazionale al festival Invito alla Danza dello Scottish Dance Theatre, diretto Janet Smith, è stato realizzato uno stage gratuito di danze tradizionali scozzesi presso la sede dell’Associazione, tenuto da Caroline Reagh. L’attività didattica è stata preceduta da una conferenza stampa con proiezioni video e performance illustrativa presso il British Council a Roma con lo scopo di divulgare il lavoro della compagnia nonché le caratteristiche e la storia delle danze scozzesi.

Direzione artistica: Marina Michetti
Ufficio Stampa: Fiorentina Galterio

Caroline Reagh
È docente presso il Dunfermline College of Physical Education, dove lei stessa ha studiato danza, estetica e teatro. Successivamente approfondisce la sua formazione in Canada, poi grazie a una borsa di studio del British Council e dello Scottish Arts Council, studia all’estero. Il suo lavoro quindi manifesta le molte esperienze, i diversi stili e le tecniche che ha approfondito durante tutta la sua vita. Come ballerina, Caroline Reagh, ha lavorato per diverse compagnie come la Dunedin Consort, The Scottish Early Music Consort ecc..Nel 1993 è direttore dello Scottish Youth Dance Festival. Risiede in Scozia, nel Highlands dal 1989 e qui sviluppa i suoi interessi dedicandosi alla danza tradizionale e popolare scozzese. Come ballerina di questa tecnica si esibisce con la compagnia Dannsa.

UNA DANZA PER LA PACE

Incontro dibattito – stage – luglio 2003

Progetto ideato da Marina Michetti all’indomani dell’attentato a Nassirya nel novembre 2003.

Nell’ideazione di un progetto di danza che affronti le tematiche riferite alla pace, si è voluto compiere un primo passo con la coproduzione dello spettacolo “I have a dream”, che ripropone la famosa frase di Martin Luter King. In questa occasione Le Strade della Danza hanno voluto occuparsi della promozione, facendo incidere un CD con le musiche originali dello spettacolo composte dal maestro Alberico Vitalini e dagli Echoesthree e le voci dei maggiori pacifisti storici e con la stampa di un depliant informativo sullo spettacolo e le sue finalità, entrambi offerti al pubblico della rassegna Invito alla Danza.